Mestruazioni: una delle maggiori cause di inquinamento?

14.01.2014 15:32
La donna è collegata profondamente alla Terra. Essa dà vita, accudisce, nutre e segue i cicli
naturali che sono sempre gli stessi dalla notte dei tempi. 
Per questo motivo, in quanto donne, dovremmo essere maggiormente vicine alla sensibilità ecologica.
Ma cosa possiamo fare di concreto?

Basti pensare che, qualcosa di più antico e naturale come la mestruazione, al giorno d’oggi, sia una delle maggiori cause di inquinamento.  

Gli assorbenti moderni contengono un gel policrilato super assorbente derivante dal petrolio. In effetti, la maggior parte dei componenti degli assorbenti in commercio contengono sostanze derivate dall’industria petrolifera e forestale. L’estrazione, la produzione e la fabbricazione di queste sostanze contribuiscono al rilascio di protossido di azoto, anidride solforosa e biossido di carbonio, tossici per l’uomo in quanto causa di tumori e malformazioni genetiche, deleteri per l’ozono e per l’ambiente in generale, in quanto causa di acidificazione degli alberi. A causa dell’alto contenuto in plastica di questi prodotti, rischiamo che essi vadano ad inquinare il nostro ambiente per secoli, in quanto non sono né riciclabili né biodegradabili. 

Lo smaltimento degli assorbenti, sia che vengano gettati negli oceani, inceneriti, o depositati in discarica, crea una serie di sostanze inquinanti come la diossina, depositata sui fondali marini dai sistemi fognari, o inquinamento atmosferico a causa dei fumi degli inceneritori.
 

Se si pensa che nell’arco di una vita, OGNI DONNA usa in media 11.400 assorbenti, ogni persona cosciente dovrebbe provare un immenso senso di sdegno e correre subito ai ripari.


Non lasciamo che un evento naturale, e così profondamente legato alla nostra Madre Terra, come la mestruazione, possa portare alla sua distruzione, agiamo oggi stesso utilizzando assorbenti lavabili Rosea Lune!

Fonte dal blog: http://rosealune.blogspot.it/2013/05/mestruazioni-una-delle-maggiori-cause.html